Novellara raccontata da Renzo

per dire grazie agli amici, per l’amicizia dei giorni del Tributo non basterebbe una pagina intera. Qualcuno che ricordo lo voglio nominare… grazie a tutti, sinceramente... gli altri mi scuseranno, se li dimentico…
 
Fabio, Gianluca, Luisa, Sirio, Simona, Simoncina, Laura, la Marta Botti, Elena, Martino Cominotti e la sua banda, Fucchio e signora, la banda degli amici di Vicenza, gli amici del Fans Club “IL FIUME” di Carrara, Alessandro e la sua banda di Siena, gli amici di Rimini, tanti amici di Empoli, lo staff dei Nomadi al quasi completo che erano a mangiare vicini a noi al DonDivino (Giuseppe, Rosario, il grande fonico Atos), Salvo che commosso lascia la banda Nomade, la mitica Monica Battaglini con cui ho passato uno splendido pomeriggio vedendo il concerto con lei ridendo e scherzando, suo figlio e marito con cugina simpaticissima e zia al seguito… poi gli amici di Livorno conosciuti anni fa al concerto dei Nomadi a Vada, Alessio e la sua compagnia… gli amici del Grillo Cantante di Lucca e Livorno, Il Club di Montaione con bussino, gli amici di Grottaminarda (Avellino), gli amici del Club Massa Martana, il Vagabondo Nomade che ci ha strisciati vicino a noi a Pranzo ma che non ho potuto conoscere di persona, Antonio e Augusto titolari del DonDivino (bravissimi e molto gentili), Loretta e Marsiglia (madre e figlia, bona la madre a pure la figlia…), gli amici che erano accanto a me durante il concerto di domenica cui ho rovinato la birra infilandogli i coriandoli nel bicchiere durante “IO VOGLIO VIVERE” e che non se la sono presa troppo con me… ma ci hanno scherzato sopra… al grande Concetto con gli amici tedeschi al seguito che sono stati pure fotografati e pubblicati sulla Gazzetta di Reggio, a Gaetano che mi pare di avere intravisto ma che era troppo lontano da me per poterlo salutare… all’amico Alessandro che da “vecchio fans” dei Nomadi e’ riuscito a diventarne con il tempo amico e impresario (ricordi Ale, quella bistecca alla Fiorentina di tanti, tanti anni fa mangiata assieme a Firenze da Mastro Bulletta?), poi per finire, grazie Ai Nomadi, in particolare a Beppe, per questioni di affetto… alla Rosanna, alla Maionchi che ha per marito l’autore di IO VAGABONDO, a Paolo Pirito, a Red Ronnie, a Zucchero e alla sua splendida figlia (che voce…), a Romano Prodi (ma si va… anche a lui, anche se non lo sopporto…), a Marco Barbieri… alla Lu’ che anche quest’anno, non ho proprio fatto a tempo a salutare… agli amici che non sono piu’ con noi, Augusto, Dante, e tutti gli altri… insomma a tutte quelle persone che hanno di nuovo reso possibile questo ennesimo Tributo che non ci finira’ mai di stupire… Ancora una volta, con tantissimo sentimento... scusatemi… Renzino
Novellara raccontata da Renzoultima modifica: 2010-02-28T14:10:53+00:00da gianluca1989
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento